SISGEO utilizza su questo sito cookies anche di terze. Per continuare a navigare questo sito, vi invitiamo a leggere la nostra Informativa Privacy e Cookies qui e cliccare sul tasto “Accetto”. Se continuate a navigare il sito SISGEO, si sottintende che accettate l’uso dei cookies come descritto.

SISGEO è orgogliosa di condividere la scelta di collaborare con l’Università degli Studi di Parma

In particolare le performance del sistema H-Level sviluppato da SISGEO sono state investigate attraverso una convenzione di ricerca

 

[ Martedì, 14 Gennaio 2020 ]

SISGEO è orgogliosa di condividere la scelta di collaborare con l’Università degli Studi di Parma. In particolare le performance del sistema H-Level sviluppato da SISGEO sono state investigate attraverso una convenzione di ricerca. Il gruppo di lavoro ha visto coinvolti il Prof. Ing. Freddi (docente di Scienza delle Costruzioni), l’Ing. Chiapponi (docente di Laboratorio Misure e Controlli Idraulici) e il Prof. Ing. Longo (docente di Idraulica) dell’Università degli Studi di Parma.
Per ‘sistema’ si intende l’insieme di: reference tank, reference Gauge, H-Level Gaugse and hydraulic liquid.
SISGEO già fornisce ogni singolo H-Level Gauge con il proprio Rapporto di Taratura, ma l’obiettivo della ricerca è la riduzione sul sistema dell’influenza delle variabili esogene tipiche delle applicazioni in campo
Il sistema sarà infine validato con una installazione su un manufatto di pregio della Provincia di Parma: un ponte progettato dall’Ing. Riccardo Morandi nel 1954. L’opera, un ponte ad arco a via superiore e realizzato in calcestruzzo armato gettato in opera, sarà monitorato tramite due differenti sistemi H-LEVEL: lo scopo di questo monitoraggio, oltre alla validazione in campo dei ns. sensori, è quello di supportare la Provincia di Parma nella manutenzione del ponte e fornire un riscontro sugli interventi consolidamento in via di definizione.